Approvata in Iraq la legge che vieta la diffusione dei giochi elettronici violenti

Il parlamento iracheno ha votato per vietare la diffusione dei videogiochi violenti; sotto accusa sparatutto Fortnite e PLAYERUNKNOWN BATTLEGROUNDS (PUBG) citati come titoli importanti che saranno vietati in tutto il Paese

L’Iraq bloccherà videogiochi violenti come Fortnite e PUBG dopo che il parlamento ha votato una risoluzione mercoledì.

“Minacce sociali e morali a bambini e giovani” – con questo appunto, la commissione ha definito la diffusione del fenomeno videogiochi in tutto il pianeta.

Il governo bloccherà l’accesso online a tali giochi e bloccherà anche le transazioni finanziarie per i giochi.

La risoluzione ha affermato che il divieto è necessario “a causa degli effetti negativi causati da alcuni giochi elettronici sulla salute, la cultura e la sicurezza della società irachena, comprese le minacce sociali e morali a bambini e giovani”.

Non è ancora noto quali altri giochi saranno vietati o come il governo deciderà quali giochi devono essere vietati, nei prossimi giorni verrà stilata una lista completa dei giochi da censura.

Prima del voto, l’esponente religioso sciita Moqtada al-Sadr ha spinto per un divieto e ha esortato i giovani iracheni a smettere di giocare a PUBG, che ha descritto come avvincente. “Cosa guadagnerai se hai ucciso una o due persone in PUBG? Non è un gioco per l’intelligenza, o un gioco militare che ti fornisce il modo corretto di combattere “.

Il paese è stato tormentato dalle violenze tra le fazioni nel corso degli anni, con la guerra civile irachena durata tra il 2014-2017. L’Iraq ha tenuto le sue prime elezioni nel 2018, sebbene l’unica legislazione approvata dal parlamento prima della risoluzione fosse il suo bilancio federale.


. Copyright ©  eSports Activity

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *