Cloud9 multato da Riot Games per violazione delle regole LCS

Los Angeles, USA - August 4: --- during the 2019 League of Legends Championship Series Week 9 at the LCS Arena on August 4, 2019 in Los Angeles, California, USA. (Photo by Paul de Leon/Riot Games)

L’organizzazione nordamericana Cloud9 è stata multata da Riot Games dopo aver scoperto di aver violato le regole LCS.

Secondo Riot Games, Cloud9 ha emesso azioni attraverso un “piano azionario dei dipendenti” a sette giocatori nel corso di 16 mesi.

Cloud9 non ha informato Riot Games di ciò che ha fatto e, di conseguenza, è stato multato di $ 25.000 (£ 19.379,88) per ciascuno dei sette giocatori coinvolti. Con l’implementazione del franchising alla fine del 2017, è stata aggiunta una regola che vietava a un proprietario di un team di partecipare al proprio elenco.

Riot Games afferma che nel giugno di quest’anno si è reso conto che diverse squadre avevano firmato estensioni di contratto con i giocatori senza che fosse informato. Per stabilire un po ‘di chiarezza sulla situazione, è stato aperto un periodo di una settimana in cui i team potevano presentare schede di sintesi; qualsiasi penalità per ritardo è esentata, secondo lo sviluppatore. Cloud9 ha fornito documenti relativi a modifiche del contratto, schede riepilogative e unità di azioni limitate: quest’ultima avrebbe dovuto essere segnalata ed intensificata internamente a Riot Games.

Come parte degli sforzi di Riot Games per cambiare le regole sulla proprietà – che in seguito hanno portato Bjergsen a diventare proprietario di una parte in TSM – le sovvenzioni per le azioni riservate di Cloud9 sono state contrassegnate. In entrambi i metodi in cui Cloud9 ha dato unità di riserva limitate ai giocatori, è andato contro le regole LCS ufficiali. In particolare, è stato riscontrato che solo due dei sette giocatori coinvolti avevano un avvocato.

Come risultato di Cloud9 che opera al di fuori delle regole, ci sono penalità che vanno oltre la multa di $ 25.000 (£ 19.379,88) per giocatore, che ammonta a $ 175.000 (£ 135.659,12), che deve essere pagata nei prossimi 30 giorni.

L’organizzazione è stata indirizzata a pagare i giocatori che non fanno più parte del proprio elenco in un importo in denaro totale a titolo di risarcimento. Deve anche pagare i giocatori che sono ancora nel proprio elenco per annullare le sovvenzioni delle azioni limitate o sostituirle con le rinegoziazioni contrattuali.

La multa totale per Cloud9, secondo Riot Games, è approssimativamente tra $ 330.000 (£ 255.903,45) e $ 605.000 (£ 469.156,32), con quest’ultima cifra che è il minimo che Riot Games si aspetta di essere pagato. La variazione nella cifra approssimativa è dovuta alle rinegoziazioni del contratto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.