Riot Games per ridurre il supporto della Oceanic Pro League

Secondo quanto riferito, Riot Games Oceania ha ridimensionato la Oceanic Pro League in vista della sua stagione 2020. Kotaku Australia ha riferito che le squadre della lega non riceveranno più un sussidio operativo.

“Possiamo confermare di aver rimosso il sussidio operativo per la prossima stagione in conformità con il piano di cui i team sono stati informati quando sono entrati in campionato”, ha dichiarato Riot Games Oceania a Kotaku Australia. Il sussidio operativo è stato distribuito ogni settimana nel corso delle due divisioni della lega.

Il rapporto spiega anche che i requisiti minimi di stipendio dei giocatori saranno rimossi per la lega che avanza. “Possiamo anche confermare di aver concordato come concessione con i proprietari del team di rinunciare al requisito di salario minimo di OPL. Questa decisione non è stata presa alla leggera – ma in un’ottica di sostenibilità – ed è stata comunicata ai giocatori di OPL il 23 ottobre “, hanno confermato i Giochi di Riot Oceania.

È stato riferito che il precedente requisito di salario minimo per giocatore era di $ 10.000 (7.694,45 £) all’anno. La nuova regola ora significa che non vi è alcuna garanzia che i giocatori riceveranno uno stipendio a partire dal 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.