Il betting si rivolge all’esport: ecco perchè!

Perché il mondo del betting si è rivolto all’esport per offrire nuove soluzioni e scommesse ai propri utenti?

Con lo sport fermo a causa del Covid 19, le aziende del betting incontrano non poche difficoltà nel proporre soluzioni di gioco adeguate per tutti i propri utenti.

Una condizione negativa che rischia di generare un clamoroso collasso di sistema.

Con l’obiettivo di rallentare questo processo regressivo, gran parte delle aziende igaming, hanno iniziato strutturare interessanti idee alternative.

Tutto nasce con l’obiettivo di dare nuova linfa e prospettiva al mercato.

In loro soccorso è arrivato un fenomeno già da tempo sotto la lente di ingrandimento di numerosi provider di gioco.

Un movimento esploso negli ultimi anni ma fino a prima della pandemia considerato una scelta secondaria rispetto alla proposta betting legata allo sport in generale.

Parliamo dell’ eSport con il suo enorme bacino di utenti e business capace di raggiungere in breve tempo numeri inimmaginabili e sconvolgenti.

Ricordiamo che esistono già da anni, in tutto il mondo, un gran numero di aziende scommesse nate e sviluppate unicamente per offrire betting esport solutions.

Oppure provider attrezzati per proporre tali alternative ai propri giocatori in affiancamento allo sport.

I videogiochi

provengono da un processo evolutivo esponenziale che li trasformati da nicchia sommersa esclusivamente stazionaria online a fenomeno mediatico di tendenza.

La veicolazione è arrivata grazie a famosissimi gamer, sponsor e tornei trasmessi in tv e combattuti live all’interno di immense arene stracolme di supporter.

Un successo senza precedenti che ha portato a valutare il riconoscimento degli eSport come disciplina sportiva.

Probabilmente in futuro saranno inseriti nelle categorie delle Olimpiadi.

Alla luce della condizione attuale di crisi legata alla pandemia da Coronavirus, continua a stupire la facilità di adattamento che l’eSport è capace di mettere in campo con continue e repentine evoluzioni.

Infatti, a differenza di quasi tutti i settori del business mondiale caduti in profonda crisi, questo fenomeno non ha subito rilevanti contraccolpi.

Si è vero, per effetto delle misure preventive anti-contagio, sono state annullate tutte le manifestazioni dal vivo…

ma la passione è il divertimento per questi giochi è cresciuta a dismisura su tutte le piattaforme online.

Lo #Staiacasa

ha fatto sì che anche nicchie di utenti più estranee al fenomeno potessero avvicinarsi o provare a considerare questa nuova forma di intrattenimento.

Tra le varie soluzioni a disposizione, avvicinando addirittura fasce di popolazione meno giovani rispetto alle medie standard.

La costante domanda e offerta in un periodo difficile per la popolazione mondiale, non è passata inosservata agli occhi dei grandi provider del betting.

Questi hanno immediatamente intensificato i loro sforzi per adeguarsi e rivolgersi in maniera più aperta a questa evoluzione.

Oggi è possibile scommettere su tantissimi eventi eSport online godendo di una buona offerta quote e mercati davvero interessanti sui quali piazzare la propria scommesse.

Per l’occasione abbiamo analizzato Rabona, marchio di scommesse presentato recentemente sul mercato dall’azienda Soft2bet e tra i siti che attualmente accettano scommesse sugli eSport.

Una vasta gamma di giochi e competizioni sono alla base della sua offerta videogames, clicca qui per tutti i dettagli…

Su tutta la piattaforma, sono presenti interessanti bonus, validi anche per la variante eSport oltre che per l’aspetto sport e casinò.

Puntualità e veloce refertazione degli eventi, sono alla base del successo di questo tipo di nuova offerta che Rabona rappresenta al top per l’industria.

Che aspetti, scopri di più sul betting esport oferto da questo marchio! CLICCA QUI

ATTENZIONE: Ricordiamo che il gioco è vietato ai minori e va gestito come divertimento evitando di pensare ad esso come soluzione per ottenere facili guadagni! Gioca responsabilmente…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.